Pagina iniziale Giuliana libera
seleziona le ultime novità
lunedì 9 novembre 09
Ricorso:
no al nucleare
lunedì 21 settembre 09
Promo:
il fiume rubato
domenica 8 marzo 09
Fame di territorio:
la INNSE rottamata
sabato 10 gennaio 09
Malpensa:
non tutto il nord dice si
lunedì 22 dicembre 08
La terra trema:
notizie dal folletto
domenica 14 settembre 08
Documentario contro le grandi opere:
il cartun d'le ribelliun
giovedì 11 settembre 08
Un piccolo paradiso resiste:
come nel villaggio gallo di obelix, asterix e panoramix
lunedì 21 aprile 08
V2 25 aprile:
fai sentire la tua voce
lunedì 17 marzo 08
Il mostro:
la tangenziale si ferma a Magenta
martedì 11 marzo 08
Torino:
nuova pubblicità stradale
mercoledì 5 marzo 08
Comunicato stampa:
fermato l'ammazzaparchi
lunedì 3 marzo 08
Marcello Rhorwasser:
lettera aperta sull'inceneritore
sempreverde
Citizen Berlusconi:
la biografia censurata
chiudi

Lettera aperta al sindaco di Abbiategrasso

Inceneritore: le informazioni che vengono omesse all'intera cittadinanza

il vecchio inceneritore
foto: marcello rhorwasser


Egregio sig. Sindaco,

questa lettera aperta per far sentire la mia voce, decisamente contraria alla costruzione di quello che si usa chiamare "termovalorizzatore"(parola usata solo in Italia) ossia un impianto di incenerimento il cui calore viene parzialmente recuperato.

Al di là delle info che ne pubblicizzano la sicurezza e utilità,sono convinto che esistono altre informazioni che vengono invece omesse all'intera cittadinanza. Fra queste non si considerano ad esempio:

- l'impatto sulla qualità dell'aria (nonostante i moderni impianti offrano qualche garanzia in più)
- la pericolosità dei residui della lavorazione e i costi del loro smaltimento (sono irreversibilmente tossici). Questi scarti tossici rappresentano oltre il 20% della quantità di rifiuti inceneriti e sono per ora non bonificabili. Inoltre, in Italia non è ben chiaro dove vengano custoditi - le caratteristiche delle Nano-particelle(infer. 2,5 micron) che si libererebbero nell'aria, potenzialmente micidiali e per le quali non esiste una regolamentazione.
Sicura è la loro alta tossicità mentre difficilissima è la loro rilevazione e il loro controllo
- Le alternative possibili con un adeguata raccolta differenziata (ricordo che i comuni del Consorzio dei Navigli, dei quali Abbiategrasso non fa parte, rasentano in media il 70% di materiale riciclato)
- Il carattere non emergenziale in cui versa attualmente la raccolta dei rifiuti nella nostra zona
- L'adozione prossima (ma tardiva) di normative europee che obbligheranno chi produce certi tipi di prodotti, a smaltire o reinserire nel ciclo produttivo quelli vecchi che vengono sostituiti
- Gli avvertimenti tragici che alcuni ricercatori di fama mondiale diffondono per scoraggiare l'usanza dell'incenerimento dei rifiuti (vedi dichiarazioni di Paul Connet e siti del Dott. Montanari e Dott.ssa Gatti, quest'ultima docente dell'Università di Modena e consulente della commissione d'inchiesta sull'uranio impoverito dei Balcani
- Un inceneritore è in antitesi con la raccolta differenziata perché necessita della frazione plastica e solida per poter funzionare. Crea molta meno occupazione rispetto a quella che creerebbero gli impianti di riciclaggio

Queste sono solo alcune ragioni, fra le tante. A chi si chiede come mai si sia creato un coro contrario all’inceneritore di Abbiategrasso in questa fase politica, rispondo che, primo, l’inceneritore negli ultimi tempi era stato accantonato dalla Provincia (ora invece sembra voglia ripensarci) e, secondo, con l’emergenza di Napoli degli ultimi mesi i cittadini hanno avuto l’occasione di approfondire e documentarsi in merito.

Non mi si riesce a illudere che dietro l'incenerimento dei rifiuti ci sia un'emergenza sociale, una convenienza economica per la cittadinanza non controbilanciata da una maggiore esposizione a inconvenienti di varia natura più o meno gravi, un'utilità effettiva e che non ci siano matematicamente dei rischi.
Credo piuttosto che dietro a questa spinta inceneritrice si celino i soliti interessi d’ignoti, ai quali non importa nulla del benessere comune.

Considero scandaloso annoverare l'incenerimento dei rifiuti nelle "energie rinnovabili", condizione grazie alla quale l'incenerimento dei rifiuti può contare su sovvenzioni statali, ossia sui soldi dei contribuenti. In pratica: paghiamo per avvelenarci!

Se vogliamo cercare dell'energia a basso costo da usare e a impatto zero, basterebbe cominciare seriamente con un'attenta e obbligatoria politica di risparmio energetico nel campo edile (a cominciare dai nuovi edifici), negli edifici pubblici e scolastici e nel trasporto pubblico (a questo riguardo, trovo ad esempio scandaloso che ogni tanto "saltino" senza preavviso le corse dell'Atinom sulla SP 114: come si può fidelizzare l'utenza al trasporto pubblico se esistono queste carenze?). Alcune stime parlano di risparmi energetici intorno al 50%!

Penso infine che le istituzioni preposte alla tutela dei cittadini debbano smetterla di ascoltare e accogliere le istanze di chi vuole solo fare profitti.
Il bilancio economico è chiaramente importante e fondamentale, ma si può farlo quadrare anche con coraggiose, ma possibili, politiche nuove e soprattutto attualizzate. L'indotto economico che si può trarre dall'utilizzo delle nuove tecnologie nell'ambito della sostenibilità ambientale è immenso (vedi ricadute sull'occupazione e sul reddito procapite) E chi prima arriva meglio starà, quando queste saranno ormai da tutti acquisite. Questo vuol dire fare l'interesse del cittadino: la lungimiranza!

E' d'altronde risaputo che il Sindaco è la massima autorità sanitaria e che quindi è il Sindaco che deve garantire il rispetto dell'articolo 32 della Costituzione E’ per questo che mi rivolgo a Lei.
Così come Lei ha il dovere di tutelare la salute dei cittadini garantendo pratiche alternative di smaltimento dei rifiuti che possano provare la loro totale innocuità, così Io mi appello a Lei, in qualità di Sindaco del comune che dovrebbe accogliere il tanto discusso INCENERITORE, perché sento il dovere di cercare di tutelare la salute delle mie figlie.

La ringrazio sentitamente per l'attenzione e la saluto cordialmente.


Marcello Rohrwasser
marcello_roh@yahoo.it
Notangenziale Verdi Lombardia Lombardia RdB CUB Associazione Verdi Ambiente e Società
Documento XHTML 1.0 valido!